Case vacanze e appartamenti ad Aprica

Confronta 45 alloggi ad Aprica e prenota al miglior prezzo!

Cerca tra milioni di case vacanza
+
Confronta da più di 600 siti web
=
Trova la tua casa vacanze ideale al miglior prezzo

Alloggi preferiti ad Aprica

Appartamento vacanze per 4 persone in Aprica, con terrazza e panorama
Aprica, Valtellina
da
43 €a notte
Appartamento per 6 persone in Aprica, con balcone
6 pers., 2 Camere da letto, 10m dagli Impianti Sciistici
4,4
15 Recensioni
Aprica, Valtellina
da
74 €a notte
Casa vacanze per 5 persone in Aprica
Aprica, Valtellina
da
97 €a notte
Appartamento per 3 persone in Aprica, con balcone/terrazza e balcone
Aprica, Valtellina
da
45 €a notte
Appartamento per 6 persone in Aprica
6 pers., 1 Camere da letto, 450m dagli Impianti Sciistici
Aprica, Valtellina
da
39 €a notte
Appartamento per 4 persone in Aprica
4 pers., 1 Camere da letto, 100m dagli Impianti Sciistici
3,0
1 Recensione
Aprica, Valtellina
da
70 €a notte
Appartamento per 5 persone in Aprica, con giardino, con animali domestici
5 pers., 2 Camere da letto, 60m dagli Impianti Sciistici
Aprica, Valtellina
da
60 €a notte
Appartamento per 6 persone in Aprica
6 pers., 3 Camere da letto, 300m dagli Impianti Sciistici
4,4
6 Recensioni
Aprica, Valtellina
da
80 €a notte
Casa vacanze per 5 persone in Aprica, con piscina e balcone, con animali domestici
5 pers., 2 Camere da letto, 400m dagli Impianti Sciistici
Aprica, Valtellina
da
45 €a notte
Appartamento per 7 persone in Aprica, con giardino, con animali domestici
4,9
28 Recensioni
Aprica, Valtellina
da
115 €a notte
Appartamento per 6 persone in Aprica
6 pers., 2 Camere da letto, 250m dagli Impianti Sciistici
4,7
9 Recensioni
Aprica, Valtellina
da
80 €a notte
Appartamento per 6 persone in Corteno Golgi, con giardino
6 pers., 2 Camere da letto, 250m dagli Impianti Sciistici
Corteno Golgi, Valtellina
da
107 €a notte
Appartamento per 4 persone in Corteno Golgi
4 pers., 1 Camere da letto, 350m dagli Impianti Sciistici
Corteno Golgi, Valtellina
da
70 €a notte
Appartamento per 5 persone in Villa di Tirano, con balcone
5 pers., 1 Camere da letto, 2,4km dagli Impianti Sciistici
Villa di Tirano, Valtellina
da
74 €a notte
Appartamento per 6 persone in Corteno Golgi, con giardino
6 pers., 1 Camere da letto, 900m dagli Impianti Sciistici
4,6
29 Recensioni
Corteno Golgi, Valtellina
da
65 €a notte
Appartamento per 6 persone in Corteno Golgi, con balcone
6 pers., 2 Camere da letto, 300m dagli Impianti Sciistici
5,0
11 Recensioni
Corteno Golgi, Valtellina
da
68 €a notte
Casa vacanze per 8 persone in Teglio, con giardino
8 pers., 2 Camere da letto, 4,3km dagli Impianti Sciistici
5,0
2 Recensioni
Teglio, Valtellina
da
108 €a notte
Appartamento per 6 persone in Aprica
5,0
5 Recensioni
Aprica, Valtellina
da
136 €a notte
Mostra tutto

Attrattive ad Aprica

  • Percorso Tematico storico-militare ‘Monte della Croce’
  • Percorso Tematico religioso ‘Beato P.G. Frassati’
  • Percorso Tematico naturalistico ‘Il legno è vita’
  • Riserva Naturale di Pian di Gembro
  • Osservatorio eco-faunistico Alpino

I più ricercati ad Aprica

Internet 2
Animali ammessi 5
Balcone/Terrazza 6
TV 9
Parcheggio 6
Lavatrice 8
Riscaldamento 9

Case Vacanze e Appartamenti ad Aprica

Case vacanze e appartamenti in Lombardia

Se siete alla ricerca di una meta diversa dal solito, la destinazione turistica di Aprica, in Lombardia, è la meta perfetta. Qui è possibile trovare case vacanza a due passi dagli impianti di risalita e vicino a tutti i centri di interesse e locali, per godere la montagna la mattina e le serate di divertimento la sera. Le case sono solitamente economiche e dotate di ogni comfort: caminetto, barbecue e giardino, per godersi una vacanza appieno e, per i più esigenti, sarà possibile soggiornare anche in ville indipendenti!

Appartamenti in centro con la famiglia

Oltre agli appartamenti nelle zone limitrofe ad Aprica, molti altri si possono trovare nel bellissimo centro di Aprica, vicino a tutti i servizi, alle vie dello shopping e ai supermercati, per rendere la vacanza rilassante, ma anche ben organizzata. Anche in questo caso sarà possibile godere sia di appartamenti ampi che di case piccole e intime, con tanto di panorama mozzafiato dalla terrazza. Se volete divertirvi, Aprica è anche ben dotata di pub, bar, ristoranti, discoteche e après ski!

Vacanze ad Aprica

Ubicazione e orientamento

Vacanze nella storia e nel fascino della Lombardia

Aprica è un comune italiano in provincia di Sondrio, in Lombardia, situato a cavallo dell'omonimo passo, il più agevole tra la Val Camonica e la Valtellina, sulle Alpi Orobie, costituito da un'ampia sella piana lunga circa tre chilometri, oggi in buona parte edificata. Le fortune del villaggio furono segnate dalla costruzione, a partire dal 1848, su iniziativa del governo austriaco del Regno Lombardo Veneto, di una strada, oggi la Strada statale 39 dell'Aprica, che collegò, appunto tramite il passo dell'Aprica, Edolo e la Val Camonica con Tresenda e la Valtellina. Il comprensorio sciistico Aprica-Corteno, disegnato sul versante sud della grande sella aprichese, consta di oltre 50 km di piste, l’80% delle quali innevabili artificialmente. I tracciati sono suddivisi in 8 azzurri, 8 rossi e 4 neri, più 5 collegamenti. Composto da 4 aree integrate, è tutto interconnesso, sia verso il fondovalle che in quota. Dotato di un totale di 17 impianti di risalita, ha una portata oraria di 24.000 persone!

Il centro storico e il suo fascino senza tempo

Aprica è ricca di itinerari d’estate e di piste per lo sci alpino d’inverno. Per apprezzare la cittadina il modo migliore è scegliere uno dei tre percorsi tematici che sono stati ricavati dal comune nei borghi storici di Santa Maria, Dosso e San Pietro, dedicati alla storia, alla fauna e alla flora della zona, con quadri di Alcide Pancot che riproducono scene di vita quotidiana ed eventi storici legati al paese. Ad Aprica ci sono due chiese principali, quella di San Pietro, del tredicesimo secolo con un bel ciborio in legno intagliato e dipinto e un confessionale in noce, e quella di Santa Maria. Diversi sono anche gli affreschi antichi realizzati sui muri delle case nelle contrade di Aprica, che risalgono al periodo grigione e sono stati eseguiti in seguito ad eventi miracolosi.

Viaggiatori e attività connesse

Aprica per chi ama lo sport

Il comprensorio sciistico Aprica-Corteno, disegnato sul versante sud della grande sella aprichese, consta di oltre 50 km di piste, l’80% delle quali innevabili artificialmente. I tracciati sono suddivisi in 8 azzurri, 8 rossi e 4 neri, più 5 collegamenti. Composto da 4 aree integrate, è tutto interconnesso, sia verso il fondovalle che in quota. Dotato di un totale di 17 impianti di risalita, ha una portata oraria di 24.000 persone. Quella del Palabione è l’area sciistica storica di Aprica. Nata nel primo dopoguerra e più volte ristrutturata, è situata nel cuore del comprensorio, collega la sommità al paese con 1100 m di dislivello. La Magnolta è la parte più a ovest del demanio sciabile. Nata negli anni '80, è dotata di circa 15 km di piste coperte da innevamento programmato, che raggiungono quota 2100 m circa. La ski area del Baradello, di recente ristrutturazione (2004) e quasi totalmente coperta da innevamento artificiale, è costituita da circa 15 chilometri di piste di varie difficoltà, servita da una seggiovia quadriposto coperta, permette di arrivare a 1.970 metri. Inoltre i campi scuola (Campetti) sono raggiungibili con l'auto ed attigui alle case, al centro cittadino e altre attività commerciali. Sono presenti, a pochi chilometri di strada dal centro, alcuni tracciati per sci di fondo, racchette da neve e sci-escursionismo: Pian di Gembro e Trivigno. In paese, località al Plà, si trova infine un anello di fondo più piccolo, lungo 0,8 chilometri, una specie di campo-scuola ad accesso libero. Durante il periodo estivo è possibile praticare trekking su più di 50 itinerari escursionistici segnalati dal CAI di Aprica. Per le mountain bike è presente in paese un bike skill center e, ad una quota di circa 1700 metri, un tracciato di cinque chilometri a mezza costa dal comprensorio del Palabione fino a Corteno Golgi. Ad Aprica sono fruibili campi da tennis, una piscina coperta con centro benessere, un campo pratica di golf, un campetto da calcio. È inoltre possibile praticare agevolmente l'arrampicata sportiva, la pesca sportiva e il parapendio.

Aprica per chi ama il folclore

Ad Aprica si celebra ogni anno, a fine febbraio, Sunà da Mars (letteralmente: "suonare di marzo"), una delle più antiche e sentite tradizioni folcloristiche legate alla cosiddetta chiama dell'erba. Falangi di scampanatori in costume locale, provenienti da ciascuna delle sei contrade (Liscedo, Liscidini, Santa Maria, Mavigna, Dosso e San Pietro) si incontrano e confrontano, scuotendo ritmicamente i loro grandi e fragorosi campanacci, prima in Piazza Mario Negri scultore (davanti al Municipio), poi in Piazza del Palabione. Qui, al termine della lunga e assordante tenzone, tutti si acquietano e partecipano al rito conviviale del mach, rustica pietanza locale a base di polenta e salsicce, con la degustazione di vin brulè. Sunà da Mars, di antica origine, è una delle più originali manifestazioni nazionali, e in particolare montane, dai significati ancestrali legati al risveglio primaverile della Natura. Legate ad Aprica sono alcune leggende valtellinesi, di cui un paio fanno riferimento alla figura storica di San Carlo Borromeo. Quando il Santo, campione del cattolicesimo, giunse qua in queste terre dove i Grigioni avevano introdotto la Riforma protestante, dopo un lungo viaggio a dorso di cavallo cercò una fontana per dissetarsi, ma ne trovò solo una secca; un contadino gli spiegò che era così da tempo immemorabile. Secondo la tradizione San Carlo toccò allora con il suo bastone il terreno e da lì sgorgò l’acqua, come ancora molta iconografia di Aprica oggi riporta; a fianco della fontanella sorge una piccola cappella a lui dedicata con un dipinto che ricorda l’episodio.

Sapete che ad Aprica esiste l’usanza antica della barca di San Pietro? La sera del 28 giugno bisogna depositare l'albume di un uovo in un vaso di vetro riempito d’acqua. Il vaso resterà in giardino per tutta la notte. L'indomani, giorno in cui si venera San Pietro, l'albume si sarà cristallizzato e avrà assunto le forme più strane, magari proprio quella della barca con le vele spiegate che dà il nome al rituale. I contadini ne traevano dati sulle sorti dell'economia prossima ventura e cioè l'abbondanza o meno del raccolto!

Top 5 consigli di viaggio

1. Il Percorso Tematico storico-militare ‘Monte della Croce’

Da Aprica è possibile raggiungere diversi sentieri tematici. Ognuno con delle caratteristiche proprie e rinomate, rappresentano delle eccellenze naturalistiche impareggiabili. Il connubio fra la cura del territorio e la memoria storica e culturale, dà vita ad esperienze da vivere con tutta la famiglia o da soli, a contatto con se stessi. Il facile sentiero, adatto a tutti, che parte dalla piazzola antistante il ristoro ‘Quercia Antica’ in Pian di Gembro è un percorso risalente alla Prima Guerra Mondiale, corredato da chiari pannelli descrittivi. Faceva parte della Linea Cadorna, per la difesa dei confini nazionali, nell’eventualità di un attacco austriaco. Sono conservate delle gallerie per il ricovero di munizioni ed una di puntamento rivolta verso Tirano. Dal punto di vista naturalistico, le specie vegetali prevalenti sono l’abete, il pino silvestre, il larice, la betulla e, nel sottobosco, il mirtillo nero. Al termine del percorso, potrete ammirare la torbiera da un belvedere.

2. Percorso Tematico religioso ‘Beato P.G. Frassati’

È grazie al Club Alpino Italiano che ha abbracciato l’iniziativa denominata ‘I sentieri Frassati d’Italia’, al fine di realizzare in ogni regione italiana un sentiero dedicato al celebre alpinista che Aprica insieme a Corteno Golgi, vantano il privilegio di possedere quello della Lombardia. Dal borgo di Sant’Antonio sale a Savrone, lungo un antico sentiero, conduce a Premalt, per poi arrivare al disco orografico (2000 metri), nei pressi dello Zappello dell’Asino, magnifico punto panoramico sulla Valtellina e su parte della Valle Camonica, giungendo infine alla cappella dedicata a S. Carlo, edificata a lato del Rifugio CAI Valtellina (1900m).

3. Il Percorso Tematico naturalistico ‘Il legno è vita’

Dalla Malga Magnolta al Rifugio CAI Valtellina il sentiero 341 è stato denominato Sentiero tematico ‘Il legno è vita’ e lungo il suo percorso sono state posizionate diverse bacheche con pannelli descrittivi che illustrano l’importanza del legno e tantissime curiosità sulle sue funzioni. Inaugurato nell’agosto del 2004 il sentiero nel 2016 è stato adottato dai bambini della scuola primaria di Aprica per il progetto ‘la Scuola adotta un monumento’. Il sentiero è molto comodo e di facile percorribilità senza grandi dislivelli, nella parte centrale si possono ammirare dei bellissimi panorami sulle Alpi Retiche. Potrete anche optare per il Percorso Tematico ‘Premio Nobel C. Golgi’. È un percorso facile, immerso per lo più nel bosco che si sviluppa tra Aprica e Corteno Golgi. È dedicato a Camillo Golgi, insigne ricercatore che ricevette nel 1906 il premio Nobel per la Medicina e Chirurgia, primo Nobel italiano.

4. Riserva Naturale di Pian di Gembro

La Riserva Naturale di Pian di Gembro è un’antica torbiera situata su un altopiano nei pressi di Aprica (SO) e posta sotto tutela ambientale. Caratterizzato da grande abbondanza di acqua la zona è gettonata soprattutto durante il periodo estivo, offrendo l’opportunità di passeggiate rilassanti immersi nel verde, ma non è da sottovalutare anche d’inverno grazie alla pineta presente nelle vicinanze. L’ultima glaciazione alpina avvenuta oltre diecimila anni fa ha portato alla formazione di una flora e fauna caratteristica, osservabile attraverso anche l’aula didattica presente all’interno della riserva naturale. All’interno, infatti, vi sono alcuni paludari che ospitano specie animali e vegetali come piante carnivore, insetti, tritoni e rane, abitanti tipici di zone umide come queste.

5. Osservatorio eco-faunistico Alpino

L’Osservatorio Eco-faunistico Alpino di Aprica, ideato e diretto dal biologo naturalista Bernardo Pedroni, è una vasta area di oltre 25 ettari, ben delimitata nei suoi confini, all'interno della quale si snoda un itinerario didattico-naturalistico attrezzato, facile da percorrere, lungo il quale il visitatore ha l’opportunità di conoscere la natura e osservare da vicino alcune specie animali e vegetali presenti nel Parco delle Orobie Valtellinesi. L’Osservatorio eco-faunistico alpino è una struttura unica nel suo genere che permette al visitatore di vivere l’emozione di osservare animali in libertà, avvicinandosi fino a pochi metri da loro, senza reti di protezione e in completa sicurezza. Camosci, stambecchi, caprioli, rapaci, cince, scoiattoli e piccoli anfibi popolano quest’area naturalistica che è meta di visitatori da tutta Europa. L’area faunistica dell’orso bruno delle Alpi ospita questo imponente e massiccio plantigrado osservabile da alcuni punti strategici. Potrete accedere solamente con visita guidata.